Image of Perchè scrivo articoli e creo video

Perchè scrivo articoli e creo video

Pubblicato

12 Novembre 2022

Tempo di lettura:

2 minuti

La scorsa settimana ho riportato su LinkedIn una conversazione che ho avuto con una persona. L'argomento era la condivisione della conoscenza ed ha riscosso molto interesse. Ho deciso quindi di approfondire il discorso intrapreso con il mio Manifesto personale sulla Sharing Knowledge pensando alla prime dieci parole che mi venivano in mente pensando alla condivisione della conoscenza.

Prima di elencare quelle parole, riporto la conversazione nel caso te la sia persa:

T: <<Ma perchè scrivi articoli e fai video, ci guadagni? Ci campi?>>
M: <<No, direttamente non ci guadagno. Sul mio sito non ci sono banner pubblicitari per esempio, ma se qualcuno vuole offrirmi una birra c'è la sezione donazioni.>>
T: <<E se non ci guadagni chi te lo fa fare?! Metti in piazza le tue competenze, qualcuno potrebbe imparare da te e perdi possibilità lavorative.>>
M: <<Credi davvero che con un articolo o un video si riesca a spiegare tutto lo scibile su una tecnica di analisi per cui ci vogliono settimane o mesi di apprendimento? Sei fuori strada.>>
T: <<Tu così però apri gli occhi alle persone e quelle si metteono a studiare e tu perdi il vantaggio competitivo.>>
M: <<Ma magari! Se ogni contenuto che produco fa attivare almeno una persona che si mette ad approfondire, avrò raggiunto il 50% dello scopo per cui faccio contenuti.>>
T: <<Io continuo a non capire perchè diffondi conoscenza gratis.>>
M: <<Il mio intento è diffondere spunti di riflessione, fare in modo che le persone si pongano domande. Se ci riesco avrò raggiunto anche l'altro 50% dello scopo per cui faccio contenuti. Ma la vera domanda è: perchè ti scandalizza il mio atteggiamento?>>
T: <<Perchè la conoscenza è un asset, diffondendola perdi il vantaggio competitivo e non troverai più opportunità lavorative perchè tutti impareranno a fare quello che fai.>>
M: <<La mia esperienza quotidiana mi dice altro. In quasi 10 anni di attività non ho mai inviato una sola volta il mio CV, me lo hanno chiesto invece tantissime volte. Quei contenuti sono il mio CV, le mie competenze e chi è davvero interessato ad acquisirle per il suo studio o la sua azienda mi chiama grazie a quei contenuti perchè sono la dimostrazione sul campo che ho realmente quelle competenze, non le racconto solo.>>

Cosa mi viene in mente quando penso a sharing knowledge?

  1. growth: condividere mi fa crescere e non soltanto dal punto di vista delle competenze;
  2. community: condividere mi consente di creare una comunità di persone consapevoli e che, se vogliono, possono crescere insieme condividendo loro stesse la conoscenza;
  3. awareness: condividere mi consente di accrescere la mia consapevolezza delle mie nozioni perchè mi costringe ad approfondire i concetti che tratto;
  4. knowlegde: condividere aumenta la mia conoscenza sull'argomento trattato;
  5. share: condividere per il semplice gusto di condividere qualcosa che ritengo utile o interessante;
  6. equity: condividere mi consente di contribuire a fare in modo che la conoscenza sia equa e democratica;
  7. solidarity: condividere mi consente di esercitare il rapporto di fratellanza e di reciproco sostegno che collega i singoli componenti di una collettività;
  8. reciprocity: condividere mi permette di restituire ciò che ho ricevuto;
  9. society: condividere accresce la cultura della società in cui vivo;
  10. enrichment: condividere mi arricchisce anche a livello personale.

 

Donazioni

Supporta la gestione del blog con una donazione a tuo piacimento.