Archivio dei tag shape file

Come importare shape file in OpenStreetMap – NON PIU’ FUNZIONANTE

In questo piccolo tutorial vi mostrerò come importare shape file in OpenStreetMap, prima di dirvi come si fa, apro una piccola parentesi su OpenStreetMap o OSM.

Cosa è Open Street Map?

OpenStreetMap è una mappa liberamente modificabile dell’intero pianeta. È fatta da persone come te. OpenStreetMap permette a chiunque sulla Terra di visualizzare, modificare ed utilizzare dati geografici con un approccio collaborativo. Dal sito ufficiale.

OpenStreetMap (OSM) venne fondato nel luglio 2004 da Steve Coast. OpenStreetMap è un progetto collaborativo finalizzato a creare mappe a contenuto libero del mondo. Il progetto punta ad una raccolta mondiale di dati geografici, con scopo principale la creazione di mappe e cartografie.

La caratteristica fondamentale dei dati geografici presenti in OSM è che possiedono una licenza libera, la Open Database License. È cioè possibile utilizzarli liberamente per qualsiasi scopo con il solo vincolo di citare la fonte e usare la stessa licenza per eventuali lavori derivati dai dati di OSM. Tutti possono contribuire arricchendo o correggendo i dati. Una alternativa proprietaria che riprende le pratiche di crowdsourcing introdotte dalla comunità di OpenStreetMap è Google Map Maker, nel quale i contributi dell’utente possono venir inseriti su Google Maps a fronte di validazione, impedendone il riutilizzo da parte di terzi.

Le mappe sono create usando come riferimento i dati registrati da dispositivi GPS portatili, fotografie aeree ed altre fonti libere. Sia le immagini renderizzate che i dati vettoriali, oltre che lo stesso database di geodati sono diffusi sotto licenza Open Database License.

Se vi interessa approfondire la storia di OSM potete continuare a leggerla qui.

Come importare shape file in OpenStreetMap?

NON PIU’ FUNZIONANTE al 28/06/2017

E’ più facile a dirsi che a farsi! Innanzitutto dovete registrarvi su openstreetmap.org, i dati della registrazione vi serviranno per caricare gli shp o con JOSM o con Merkaartor. JOSM è java editor con funzioni espandibili tramite plugin mentre Merkaator è un piccolo programmino con le stesse caratteristiche di JOSM. Qui, oggi, useremo JOSM.

Il passo zero è quindi registrarsi su OSM e scaricare JOSM, a questo punto apriamo JOSM.

importare shape file in OpenStreetMap

Passo 1

All’apertura di JOSM avrete una finestra come quella dell’immagine precedente, cliccate sul tasto evidenziato nell’immagine che segue

importare shape file in OpenStreetMap

Passo 2

Ora dovrete scaricare i dati relativi all’area di vostro interesse dal server di OSM; la procedura è molto semplice ed intuitiva, vi basta disegnare un rettangolo che contiene l’area e cliccare poi su Scarica così come potete vedere nell’immagine che segue:

importare shape file in OpenStreetMap

Avrete davanti a voi adesso i dati modificabili, presi dal server OSM, dell’area di vostro interesse.

importare shape file in OpenStreetMap

Passo 3

Andate sulla barra dei menù e cliccate su Preimpostazioni, quindi su Preferenze preimpostazioni

5

vi si aprirà una finestra come quella che segue, andate in Plugin (estensioni) così come indica l’immagine che segue:

importare shape file in OpenStreetMap

Passo 4

Nella barra di ricerca cercate opendata, notes, todo, utilspluging, spuntateli tutti quindi cliccate su OK. A questo punto non vi resta che caricare i vostri shp nel modo più classico possibile: File>Apri>Tipo di file impostato su Shapefile. Il gioco è fatto, più facile a dirsi che a farsi.

importare shape file in OpenStreetMap

Buona mappatura!!

Come importare uno shape file in Google Earth

Avete uno shape file e volete visualizzare il vostro lavoro su Google Earth e non sapete come fare? In questo articolo vi spiegherò come si fa!

Iniziamo ad elencare cosa vi accorre:

Come prima cosa avviamo QGIS e carichiamo il nostro .shp. In questa mini guida prenderò in considerazione i confini comunali del comune di Casalnuovo di Napoli.

shape file

A questo punto clicchiamo con il tasto destro del mouse sul nome dello shp che compare in “Legenda” e clicchiamo con il tasto sinistro del mouse su “Salva con nome“.

shape file

Si aprirà la finestra che segue, molto semplice ed intuitiva. Come vede tra le tante personalizzazioni è presente l’opzione “Formato” che è quella che ci interessa. Nel menù a tendina che vi comparirà cliccando con il tasto sinistro del mouse sulla freccia verso il basso affianco a “Formato“,tra le opzioni quella che ci interessa a noi è “Keyhole Markup Language [KML]“. Scelto il formato ed effettuate le personalizzazione desiderate clicchiamo con il tasto sinistro del mouse su “OK” ed avremmo ottenuto il nostro .kml salvato nella posizione da noi scelta e pronto ad essere aperto con Google Earth!

shape file

Ora non ci resta che fare un doppio click sul file .kml ottenuto e ammirare il nostro ex shape file aprirsi in Google Earth!

shape file

Notate che i colori di riempimento spariscono automaticamente quando apriamo il .kml; per migliorare la visibilità ho aumentato lo spessore del tratto andando a modificare i valori presenti nelle proprietà del poligono in Google Earth.