Archivio dei tag Nuovo Codice della Strada

Il Catasto della segnaletica stradale – Un GIS per…

In questo articolo verranno descritte le motivazioni per cui è utile avere un catasto della segnaletica stradale; non volendo essere un manuale di realizzazione questo articolo si limiterà a trattare temi di interesse e riferimenti normativi oltre a dare un esempio di come potrebbe essere il catasto della segnaletica stradale in un sistema GIS.

Il Nuovo Codice della Strada con l’articolo 13, comma 6, istituisce il Catasto delle strade o Catasto stradale. In particolare l’articolo in oggetto recita:

Gli enti proprietari delle strade sono obbligati ad istituire e tenere aggiornati la cartografia, il catasto delle strade e le loro pertinenze secondo le modalità stabilite con apposito decreto che il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti emana sentiti il Consiglio superiore dei lavori pubblici e il Consiglio nazionale delle ricerche. Nel catasto dovranno essere compresi anche gli impianti e i servizi permanenti connessi alle esigenze della circolazione stradale.

A differenza dell’articolo sul Catasto delle strade, in questo articolo mi soffermerò sulla sola parte in grassetto della citazione precedente. Il Catasto della segnaletica stradale sebbene non sia propriamente nominato nel decreto attuativo D.M. LL.PP 1 giugno 2001 compare, almeno come riferimento, nell’Attribute value for road forniture. 

Perchè è importante avere un riferimento cartografico per il Catasto della segnaletica stradale? E’ importante perchè congiuntamente con il catasto delle strade(e loro pertinenze) consente all’ente gestore di visualizzare in maniera immediata i punti dell’infrastruttura stradale che necessitano di intervento sia esso mirato all’installazione ex novo della segnaletica stradale sia alla sua manutenzione così come previsto dal D.M.LL.PP 24.10.2000.

Fermo restando che il riferimento normativo è a tutti gli effetti il Nuovo codice della strada ed in particolare l’articolo 39, le norme in esso contenuto possono tranquillamente essere utilizzate per la realizzazione del Catasto della segnaletica stradale.

Le immagini che seguono sono puramente esemplificative e non si è verificata la correttezza del posizionamento della segnaletica stradale.

Catasto della segnaletica stradale - esempio globale

Catasto della segnaletica stradale - particolare 1

Catasto della segnaletica stradale - particolare 2


Iscriviti alla newsletter per essere informato sui prossimi articoli!

* indicates required


Scegli l’argomento


Questo articolo fa parte della rubrica Un GIS per…

Il Catasto delle strade – Un GIS per…

Il Nuovo Codice della Strada con l’articolo 13, comma 6, istituisce il Catasto delle strade o Catasto stradale. In particolare l’articolo in oggetto recita:

Gli enti proprietari delle strade sono obbligati ad istituire e tenere aggiornati la cartografia, il catasto delle strade e le loro pertinenze secondo le modalità stabilite con apposito decreto che il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti emana sentiti il Consiglio superiore dei lavori pubblici e il Consiglio nazionale delle ricerche. Nel catasto dovranno essere compresi anche gli impianti e i servizi permanenti connessi alle esigenze della circolazione stradale.

Finchè non fu associato a tale articolo un decreto attuativo non vi sono state norme che sancivano le caratteristiche del Catasto delle strade. Tale norma è arrivata nel 2001: “Modalità di istituzione ed aggiornamento del Catasto delle strade ai sensi dell’art. 13, comma 6, del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni D.M. LL.PP 1 giugno 2001” e si basa sullo standard europeo GDFGeographic Data File – sezione Roads and Reilways.

Nella realizzazione del Catasto delle strade i GIS occupano una posizione importante, anzi direi chiave poichè sono gli unici a consentire la discesa nei livelli descrittivi individuati nel decreto attuativo. Senza scendere nel dettaglio del decreto, i livelli previsti sono 3:

  • livello 0: l’infrastruttura stradale è descritta sotto forma di primitive geometriche, punti, poligoni e linee quindi, è il livello adatto per la semplice descrizione di tipo geometrico/cartografico;
  • livello 1: l’infrastruttura stradale è descritta a grande scale individuando i 3 elementi che la costituiscono: giunzione(junction), elemento stradale(road element) ed area di traffico(enclosed traffic area). E’ il livello di riferimento alla base del Catasto;
  • livello 2: l’infrastruttura stradale è descritta mediante strade(road) ed intersezioni(intersection) individuando quindi solo 2 elementi costitutivi, lavora ad una scala più piccola rispetto al livello 1.

 

catasto delle strade

Livello 1 – Da notare la presenza di junction, road element ed enclosed traffic area – CLICCA PER INGRANDIRE

 

catasto delle strade

Livello 2 – Presenza delle sole road ed intersection – CLICCA PER INGRANDIRE

Di seguito un esempio di attribute table relativo al vettore road element

catasto delle strade

CLICCA PER INGRANDIRE

Con gli esempi esposti poc’anzi non si è voluto scendere nel dettaglio ma il fatto che i GIS “la fanno da padrone” nella realizzazione del Catasto delle strade è evidente con l’articolo 3 del D.M. LL.PP 1 giugno 2001.


Iscriviti alla newsletter per essere informato sui prossimi articoli!

* indicates required


Scegli l’argomento


Questo articolo fa parte della rubrica Un GIS per…