La rete dei sottoservizi – Un GIS per…

La rete dei sottoservizi è una “entità” che spesso in Italia poco si conosce. Sicuramente i dati sul posizionamento di condotte, cavi e tubature sono raccolti in qualche modo ma la nota dolente è proprio il modo in cui vengono raccolti e catalogati questi dati. Negli uffici tecnici comunali di scaffali con planimetrie e tracciati ce ne sono a bizzeffe ma non sarebbe l’ora di catalogare questi dati in maniera aggregata e razionale?

A questa domanda ha risposto l’AgID nel 2015 con la quinta versione delle “Regole tecniche per la definizione delle specifiche di contenuto per i database delle Reti di sottoservizi“. Tali regole definiscono il modus operandi per la realizzazione di quello che si potrebbe definire il catasto della rete dei sottoservizi.

Le “Regole tecniche per la definizione delle specifiche di contenuto per i DB delle Reti di Sottoservizi”, che costituiscono la base informativa di riferimento per la costituzione di un catasto delle infrastrutture omogeneo a copertura nazionale, sono il risultato dell’attività svolta dal Gruppo di Lavoro 8 “Reti di Sottoservizi”, già istituito nell’ambito del “Comitato per le regole tecniche sui dati territoriali ” e riattivato su iniziativa dell’Agenzia per l’Italia Digitale al fine di garantire la dovuta continuità d’azione su tale materia, in linea con la propria mission istituzionale e gli obiettivi di interoperabilità dei sistemi informativi, di condivisione dei dati tra le pubbliche amministrazioni e di sviluppo di progetti connessi alla realizzazione dell’Agenda digitale.

Fin dall’inizio il gruppo di lavoro ha svolto le attività avvalendosi anche del contributo degli operatori/gestori pubblici di servizi e dalle principali associazioni di categoria, attraverso una loro partecipazione alle attività del gruppo stesso, coordinato da CISIS – Regione Lombardia.
Le presenti regole tecniche traggono origine dal modello vigente in Regione Lombardia (ddg 10 aprile 2014, n. 3095 “Specifiche tecniche per la mappatura delle reti di sottoservizi”) e, attraverso il lavoro svolto e le necessarie elaborazioni, rappresentano ora un modello di riferimento a livello nazionale per il sottosuolo.

Le specifiche di contenuto per i DB delle Reti di sottoservizi costituiscono un approfondimento tematico di quelle per i DB Geotopografici” elaborate dal Gruppo di Lavoro 2 “Dati geotopografici” rivolte alla definizione di uno strumento che possa rappresentare e descrivere il territorio nei principali aspetti naturali e antropici. Al fine di assicurare il necessario allineamento tra le Specifiche di contenuto per i DB delle Reti di Sottoservizi e quelle per i DB geotopografici è stato garantito il coordinamento e il continuo confronto tra i due gruppi. Inoltre, è stato curato l’allineamento dei contenuti al modello dati definito, per tale categoria tematica, nel contesto della direttiva Europea INSPIRE (Data Specification for the spatial data theme Utility and Government Services – D2.8.III.6 Data Specification on Utility and Government Services – Technical Guidelines).

Le presenti “Regole tecniche per la definizione delle specifiche di contenuto per i DB delle Reti di Sottoservizi” rappresentano inoltre il catalogo dei dati territoriali di riferimento per il sottosuolo per il Sistema Informativo Nazionale Federato delle Infrastrutture (SINFI).

A tal fine, attraverso l’interazione tra il succitato gruppo di lavoro sulle Reti di sottoservizi e quello per il SINFI le regole tecniche sono state opportunamente integrate individuando un apposito livello di obbligatorietà “SINFI” e inserendo una classe e alcuni attributi nuovi rispetto a quelli originariamente previsti, a supporto della necessaria interoperabilità tra i sistemi informativi.

Questo si legge nella premessa al regolamento. Il quadro normativo di riferimento per la rete dei sottoservizi invece è il seguente:

  • D.Lgs. 07/03/2005 n.82 “Codice dell’Amministrazione Digitale”
  • Direttiva 2007/2/CE del 14 marzo 2007 (Direttiva INSPIRE)
  • Direttiva 2014/61/UE del 15 maggio 2014
  • art. 6-bis del decreto legge 12 settembre 2014, n. 133, convertito in legge 11 novembre 2014, n. 164
  • Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 3/3/1999 “Razionale sistemazione nel sottosuolo degli impianti tecnologici”;
  • Regole tecniche per la definizione delle specifiche di contenuto dei database geotopografici (DM 10 novembre 2011 – Gazzetta Ufficiale n. 48 del 27 febbraio 2012, supplemento ordinario n.
    37) cui si rimanda per ogni ulteriore approfondimento; in particolare:

    • Allegato 1 – Catalogo dei dati territoriali – Specifiche di contenuto per i DataBase geotopografici
    • Allegato 2 – il modello GeoUML – Regole di interpretazione delle specifiche di contenuto per i DataBase Geotopografici.

L’argomento trattato è molto vasto, meriterebbe forse articoli ad hoc che spaziano da INSPIRE fino ad arrivare alle normative locali ma questo esula dagli obiettivi di questa rubrica. Di seguito trovate alcuni stralci di attribute table per la rete dei sottoservizi.

rete dei sottoservizi

rete dei sottoservizi

rete dei sottoservizi

In virtù della vastità dell’argomento trattato considerate l’immagine che segue come esemplificative ma non esaustive.

rete dei sottoservizi

 

 


Iscriviti alla newsletter per essere informato sui prossimi articoli!

* indicates required


Scegli l’argomento


Questo articolo fa parte della rubrica Un GIS per…