Il censimento della cartellonistica pubblicitaria – Un GIS per…

Effettuare il censimento della cartellonistica pubblicitaria è una attività che dovrebbero espletare tutti gli enti proprietari delle strade. E’ una buona prassi poichè consente all’ente proprietario di avere a disposizione in maniera chiara e precisa i seguenti dati:

  • numero di cartelli pubblicitari installati;
  • tipologia;
  • dimensioni;
  • proprietà;
  • rendita.

Il censimento della cartellonistica pubblicitaria è uno strumento utile a controllare che le direttive in materia di pubblicità siano rispettate e consente inoltre di verificare se ci sono situazioni di evasione o di abusivismo.

Per fare un esempio, sul sito del Comune di Napoli è possibile trovare, nella sezione Impianti Pubblicitari, il Piano generale degli impianti pubblicitari con annesse norme di riferimento e tecnico-funzionali. A proposito di quadro normativo di riferimento per il censimento della cartellonistica pubblicitaria l’articolo 2 di tale piano fa una buonissima sintesi e per questo verrà riportato così come è:

Le norme contenute nel presente Piano integrano la vigente normativa di legge, con particolare riferimento al Codice della Strada e al relativo Regolamento di attuazione, nonché integrano e sostituiscono, ove incompatibili, le norme del vigente Regolamento edilizio e abrogano integralmente il Regolamento Affissione e Pubblicità, approvato con deliberazione consiliare n. 358 del 27.9.1994 , chiarimenti n. 24 del 13.3.1995 e successive modificazioni nonché la delibera consiliare n. 287 del 5.6.1978 e la delibera commissariale n. 1388 del 3.12.1993 relative ai canoni per gli impianti pubblicitari all’interno degli stabilimenti comunali.

Norme di rinvio:

D.Lgs. 30/04/92 n.285       (Codice della Strada);

D.P.R. 16/12/1992 n.495   (Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo Codice della Strada);

D.Lgs. 10/09/1993 n. 360 (Disposizioni correttive ed integrative del Codice della Strada);

D.P.R. 16/09/1997 n.610

D.Lgs. 15/11/1993 n.507

D.Lgs 15/12/1997 n. 446

Inoltre l’articolo 3 fa riferimento alla norme utili ad individuare quantità e tipo di impianto pubblicitario:

Ai fini del presente Piano di definiscono impianti pubblicitari, così come classificati  dall’art. 39 D.L.G.S. 285/92, dall’art. 134 D.P.R. 495/92, dall’ art. 37 D.P.R. 610/96, i manufatti destinati a supportare messaggi nelle tipologie quali pubblica affissione istituzionale, commerciale,  sociale, necrologica, affissione diretta e pubblicità esterna.

Evidenziata la presenza di una lunga sfilza di norme che regolamentano la realizzazione di un censimento della cartellonistica pubblicitaria, o Piano degli impianti pubblicitari usando la dicitura del Comune di Napoli, è innegabile l’utilità che uno strumento GIS può portare ad una attività del genere.

Non ci sono, o non le ho trovate io, norme che indicano come debba essere immagazzinato, visualizzato e distribuito un censimento della cartellonistica pubblicitaria per cui cercherò di realizzare un supporto cartografico di esempio che sia quanto più chiaro possibile. Ovviamente le immagini che seguono sono puramente esemplificative.

censimento della cartellonistica pubblicitaria
Possibile attribute table
censimento della cartellonistica pubblicitaria
Esempio di censimento della cartellonistica pubblicitaria

 

 


Iscriviti alla newsletter per essere informato sui prossimi articoli!

* indicates required


Scegli l’argomento


Questo articolo fa parte della rubrica Un GIS per…